Gruppo Folcloristico Pasian di Prato

Preiere del Folclorist

PREGHIERA DEL FOCLORISTA

Enzo Driussi ha composto questa preghiera nella quale ha sottolineato la fede che sostiene noi folcloristi nella vita quotidiana, e che caratterizza anche l’impegno nel mantenere vive le tradizioni della nostra terra.
Oltre ad essere diffusa tra i gruppi folcloristici del Friuli, la preghieraè stata tradotta nella propria lingua da tutti i gruppi che sono stati ospiti nelle edizioni di Folklorama, e in tal modo è diventata segno di unione e condivisione.

 

Enzo Driussi al à componude cheste preiere dulà che al marche la fede che e sosten nô folcloriscj inte vite cuotidiane e che e caraterize ancje l’impegn intal mantignî vivis lis tradizions de nestre tiere.
Oltri a jessi difondude tra i grups folcloristics dal Friûl, la preiere e je stade voltade inte lenghe di ducj i grups che a son stâts ospits intes edizions di Folklorama, in cheste maniere e je deventade segn di union e di condivision

 

PREJERE DAL FOLCLORIST

Signôr,
che Tu âs pojade la To man
su ogni omp,
che Tu âs a cjar
el nestri vivi,
el nestri sunâ,
el nestri balâ,
fâs ch’o podèdin a lunc
onoraTi
sparnizzant vie pal mond
le gjonde
di jessi fîs de nestre tiare,
di jessi bandiere dal nestri popul,
di jessi tesàur des nestris tradiziòns.
Dànus la fuarze di tignì saldis
les nestris lidrîs.
Dànus el confuârt di savê che dulintôr,
mediant di nô,
cressi l’amôr fra duc i popui,
sence cunfins.
E Tu, Mari di Diu,
pôe el To voli turchin
su les nestris famèis,
su la nestre int,
sul nestri doman.
E che rivi tal Cîl,
cu le nestre prejère,
l’eterne armonie dal nestri cjantâ.
E cussi ch’al sei.

(version inte variante origjinâl di Enzo Driussi)

 

 

PREGHIERA DEL FOLCLORISTA

Signore,
che hai posto la Tua mano
su ogni uomo,
che consideri importante
il nostro vivere,
il nostro suonare,
il nostro danzare,
fa che ci sia possibile per lungo tempo
onorarTi
diffondendo nel mondo
la gioia
di essere figli della nostra terra,
di essere bandiera del nostro popolo,
di essere tesoro delle nostre tradizioni.
Dacci la forza di mantenere salde
le nostre radici.
Dacci il conforto di sapere che tutt’intorno,
per nostro mezzo,
cresca l’amore fra tutti i popoli,
senza confini.
E Tu, Madre di Dio,
posa il Tuo occhio turchino
sulle nostre famiglie,
sulla nostra gente,
sul nostro domani.
E che arrivi in Cielo
con la nostra preghiera,
l’eterna armonia del nostro cantare.
E così sia.

(Enzo Driussi)