Gruppo Folcloristico Pasian di Prato

Papa Giovanni Paolo II ed il nostro gruppo

Molti ricorderanno il 27 aprile 2014 giorno in cui Papa Giovanni Paolo II venne dichiarato Santo con una solenne cerimonia celebrata da Papa Francesco alla presenza del Papa emerito Benedetto XVI. Papa Giovanni Paolo II, pontefice dal 1978 al 2005, è impresso indelebilmente nella storia del Gruppo Folcloristico Pasian di Prato e, in questo anniversario, vale la pena ricordare l’evento che rimarrà nella nostra memoria per sempre, grazie soprattutto a chi vi partecipò e ne tramanda tutt’ora le emozioni: l’udienza dal Papa del 9 maggio 1979. Gli artefici dell’udienza in Vaticano furono il nostro indimenticato collaboratore Terenzio Chiandetti e l’allora parroco di Pasian di Prato Don Maggiorino De Cecco. Lo stesso Terenzio Chiandetti raccontò minuziosamente l’esperienza del pellegrinaggio nel suo libro Gruppo Folcloristico Pasian di Prato – Immagini, ricordi, sensazioni da cui, qui di seguito, sono estrapolati alcuni passaggi:

Foto tratta dal libro di Terenzio Chiandetti. Assieme al Papa si vedono Giorgio, Enzo e, sullo sfondo, Don Maggiorino e Luigina.

“(…) Non eravamo mai stati ad un’udienza pontificia in Piazza San Pietro e siamo rimasti sorpresi dal frenetico clima di attesa; si incrociano suoni e colori, canti e preghiere, silenzi ed applausi di tutta la gente convenuta: famiglie al completo, gruppi italiani e stranieri, schiere di giovani e studenti. Suonano bande, chitarre e salgono canti in lingue diverse.(…) Alle 11.00 si avverte che il Papa è apparso al portone di S.Damaso, su una Toyota bianca, scoperta. Prima si sente un brusio, poi grida insieme ad un intenso applauso. Emozione e commozione si sovrappongono.(…)In chiusura elenca i vari gruppi presenti a vario titolo. Per ogni gruppo esprime considerazioni appropriate. La parte ufficiale dell’udienza era terminata. Il Papa si intrattiene brevemente sul palco con i vescovi, poi scende ed inizia il giro a piedi intorno alle transenne dei due settori riservati ove sono disposti, come noi, i gruppi che saranno ammessi all’udienza particolare. Noi attendiamo trepidanti il nostro turno. L’orologio della basilica segna esattamente le ore 13.33 nel momento magico dell’incontro con il Papa. Il parroco della nostra parrocchia porge per la benedizione le fedi nuziali (di Maurizio e Carmen, danzerini che si sposeranno a giorni) ed implora anche la benedizione per la sua parrocchia, che il Papa benevolmente gli concede.

Luigina e Giorgio offrono al Papa il dono del gruppo: un cesto con gubana, una bottiglia di grappa, una di vino picolit e spighe di grano e dicono che il Gruppo è del Friuli. “Ah! Il Friuli!” esclama il Papa e da la benedizione. Enzo Driussi offre un quadro con la sua poesia O viôt traviârs el bosc le Tò presinze, Signôr! a cui il Papa dà uno sguardo interessato e ringrazia. E’ un momento altamente emozionante. Noi del Gruppo eravamo entusiasti, soddisfatti, felici.(…)”


PAPE ZUAN PAULI II E IL NESTRI GRUP
In tancj si visaran dai 27 di Avrîl dal 2014, cuant che Pape Zuan Pauli II al vignì declarât Sant cuntune cerimonie solene celebrade di Pape Francesco ae presince di Pape Benedet XVI. Pape Zuan Pauli II, pontefiç dal 1978 al 2005, al è restât in maniere indelebile inte storie dal Grup Folcloristic Pasian di Prât e, in chest aniversari, al vâl la pene di ricuardâ l’event che al restarà inte nestre memorie par simpri, in graciis soredut a chei che a parteciparin e nus ripuartin ancjemò lis emozions. I autôrs de audience in Vatican a forin il mai dismenteât colaboradôr Terenzio Chiandetti e il plevan di chê volte Don Maggiorino De Cecco. Il stes Terenzio Chiandetti al contà intai detais la esperience dal pelegrinaç intal so libri “Gruppo Folcloristico Pasian di Prato – Immagini, ricordi, sensazioni“. O vin volût meti ca sot cualchi passaç:

“(….) No jerin mai stâts a une audience pontificie in Place San Pieri e o sin restâts maraveâts dal frenetic clime di spiete; si incrosin suns, colôrs, cjants, preieris, cidinôrs e batudis di mans di dute la int rivade: fameis al complet, grups talians e forescj, schiriis di zovins e students. A sunin bandis, ghitaris e a svolin cjants in lenghis diferentis. (…..). Aes 11.00 si sint che il Pape al è comparît al porton di S.Damaso, suntune Toyota blancje, scuvierte. Prime si sint un cisic, po dopo zigadis, insiemi a une grande batude di mans. Emozion e comozion si soreponin. (…..). Par sierâ al elenche i diviers grups presints a titul plen. Par ogni grup al vûl esprimi considerazions apropriadis. La part uficiâl de audience e jere finide. Il Pape si intraten in curt sul palc cui vescui, po dopo al dismonte e al scomence il zîr a pît ator pes stangjis dai doi setôrs risiervâts, lis che a son disponûts come nô, ducj i grups che a saran ametûts ae audience particolâr. Nô o spietìn cun trepidazion il nestri turni. L’orloi de basiliche al segne cun precision lis 13.30 intal moment magjic dal incuintri cul Pape. Il plevan de nestre parochie al espon lis veris di matrimoni di Maurizio e Carmen balarins che a varan di sposâsi ca di pôcs dîs e al implore ancje la benedizion pe sô parochie, che il Pape, cun benvolence i concêt. Luigina e Giorgio a ufrissin al Pape il regâl dal grup: un zei cun gubane, une butilie di sgnape, une di vin picolit e spîs di forment e a disin che il Grup al è dal Friûl. “Ah! Il Friûl!” al esclame il Pape e al da la sô benedizion. Enzo Driussi al ufrìs un cuadri cu la sô poesie “O viôt traviers il bosc la tô presince Signôr!”, il Pape i da une voglade interessât e lu ringracie. O jerin entusiascj, sodisfats, contents!”

About